Mercoledì 12 Dicembre 2018
   
Text Size

Casamassima nel "Cuore della Puglia" verso EXPO Milano 2015

cuore-della-puglia-702x336

La notizia già diffusa nel settembre 2014 in esclusiva dal nostro network La Voce del Paese

ECCO I LINK

 

Si sapeva dal lontano settembre 2014 (e anche prima, durante la sua costituzione). L'articolo che testimoniava il primo "battito" del consorzio intercomunale "Cuore della Puglia" era già sul nostro sito Acquavivanet, uno dei dieci web site e settimanali cartacei del network “La Voce del Paese”. E poi ancora su “La Voce del Paese” del 19 dicembre nell’edizione locale di Polignano. E sui restanti paesi e le edizioni locali.

Casamassima, Turi, Polignano, Rutigliano, Cassano delle Murge, Gioia del Colle, Santeramo in Colle, Adelfia, , Sammichele di Bari, Bitetto, Molfetta, Triggiano, Valenzano, Binetto, Bitonto, Ginosa, Laterza e Ruffano, sono i comuni che hanno aderito, per l'appunto, alla rete “Il Cuore della Puglia per Expo 2015”.

Il Consorzio si è ufficialmente costituito venerdì 19 settembre nella Fiera del Levante di Bari, quando noi già ne davamo notizia. “Cuore di Puglia” è il primo coordinamento italiano di Comuni per l’Esposizione Universale di Milano.

cuore-della-puglia-702x336

“Il Cuore della Puglia per Expo 2015” si è presentato alla stampa, alla presenza del presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e dell’europarlamentare Elena Gentile, nello stand “Med & Food-Università e Aziende per Expo 2015.

I sindaci dei Comuni succitati, hanno sottoscritto un Protocollo d'Intesa che li impegna a seguire un percorso comune per la valorizzazione dei prodotti tipici coltivati nei loro territori e per la promozione di un’agricoltura di qualità e sostenibile. Polignano ha consentito l’adesione nell’ultimo consiglio comunale di dicembre.

I municipi adotteranno una strategia comune per promuovere a Milano e nel mondo un paniere di prodotti della biodiversità come la cipolla rossa di Acquaviva, l’oliva termite di Sannicandro e di Bitetto, l’olio di Bitonto, l’uva da tavola di Adelfia e Rutigliano, le mozzarelle e il vino primitivo di Gioia del Colle, il cece nero di Cassano e della Murgia Carsica, un un’ottica di “responsabilità” nei confronti dei consumatori, per un’agricoltura e un’alimentazione prodotta “con il cuore". All’incontro in cui fu dato il primo “battito” del Cuore, parteciparono anche il referente dell'Anci Massimo Posca, Michele Lastilla e Gianluigi Cesari, dell’Antenna Pon R&C e Gaetano Celano, presidente della società Med&Food.

Elena Gentile ha invitato i sindaci a presentare i loro prodotti al parlamento europeo, Vendola ha considerato “fondamentale” l’aggregazione di sindaci “che si prendono per mano per promuovere i loro tesori agroalimentari e per promuovere un’agricoltura che faccia a meno dei pesticidi e degli anticrittogamici”.

Il “Cuore della Puglia per Expo 2015”; infatti, è un’aggregazione che si promuove di incentivare le buone prassi tra i comuni nel settore dell’innovazione e dell’agricoltura biologica e sostenibile.

Il coordinamento si è dato appuntamento lunedì all’Istituto Agronomico Mediterraneo di Valenzano per definire il prossimo programma di interventi. Educazione alimentare, approfondimento del legame tra cibo e salute e difesa della sovranità.


LINK dall'archivio, in rete con gli altri comuni del nostro vasto network di giornali, con numerosi lettori, non solo dalla Puglia, ma anche dal resto d'Italia e dall'estero.

- Dai nostri inviati di Acquaviva: settembre 2014 - Clicca qui

- Da Cassanoweb: clicca qui

- Da Turiweb 

- Da Rutiglianoweb

- Da Gioianet e tanti altri paesi e articoli ancora sempre aggiornati

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI