Giovedì 16 Agosto 2018
   
Text Size

IAT non solo a Casamassima

Casamassima- Il neosindaco Cessa all'inaugurazione dello Iat Casamassima

 

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Il Gal ha “contagiato” tutto il Sud Est Barese, con i suoi tre nuovi uffici di informazioni e accoglienza turistica. Nel Gal entrerà anche Polignano

 

Tante iniziative e grande partecipazione da parte del pubblico durante le inaugurazioni che valorizzano il turismo nei comuni del sud est barese.

Il GAL sud est barese taglia un altro importante traguardo nella sua intensa attività di promozione del territorio: grazie ai fondi della Misura 313 del PSL del GAL Sud Est Barese per l’incentivazione di attività turistiche, sono stati inaugurati tre nuovi IAT: a Noicàttaro, Casamassima e Acquaviva delle Fonti. A gestire gli uffici ci penseranno le proloco e le associazioni che si sono appositamente costituite come nel caso di Noicàttaro dove l’ufficio sarà gestito da un’ATS costituita da alcune associazioni (Rete Solidale Onlus, Athena Onlus, La Salsapariglia, Noicàttaro Sviluppo e Officine Creative) Nojat che ha già organizzato una fitta agenda di eventi, ad Acquaviva la gestione è stata affidata all’associazione Acquaviva Experience costituita dalla proloco Curtomartino e dall’Archeoclub Sante Zirioni, mentre le attività dello IAT di Casamassima sono affidate alla proloco.

Alle inaugurazioni hanno partecipato oltre al presidente e al direttore del GAL, anche i sindaci e i rappresentanti degli uffici IAT degli altri comuni a dimostrazione che il sud est barese è sempre più compatto nella promozione del territorio in una logica di valorizzazione complessiva dell’area. Il sud est barese nel suo insieme costituisce infatti una proposta completa nel segmento del turismo rurale, che, vista la presenza anche di Mola di Bari nell’area, può integrare anche il turismo più tipicamente balneare.

Gli uffici IAT dei tre comuni hanno trovato ospitalità in alcune delle strutture più importanti dei rispettivi centri storici come ad Acquaviva dove grazie allo IAT sarà possibile visitare la Sala Colafemmina di Palazzo de Mari e il Museo, mentre a Noicàttaro è il piano terra del Palazzo della Cultura che ospita gli uffici. A Casamassima si è intervenuti nell’ex carcere attualmente denominato “Centro evasioni” dove un intervento di segno contemporaneo ha rimesso a nuovo alcune aree adattandole ad attività decisamente opposte rispetto all’originale destinazione d’uso, dove liberare la creatività e la voglia di esplorare e conoscere posti nuovi.

Gli IAT saranno un importante riferimento sul territorio anche per quanto riguarda il progetto di itinerari ciclopedonali varato dal GAL all’inizio del mese: Naturalmete nel sud est barese, più di 200 km attraverso le bellezze dei sei comuni, da scoprire grazie all’aiuto delle mappe e degli opuscoli reperibili negli uffici oltre al sito dedicato e alla app che saranno presto on line: www.naturalmete.it .

Prossimamente entrerà anche Polignano nella rete del Gal? Chissà… forse…

 

 

Commenti  

 
#1 Vedo 2015-08-03 13:52
Mi raccomando, meno comparse è più protagonismo, questo era il motto della campagna elettorale.
Ma vedo già molte comparse su qualcosa di iniziativa di altri.
Cominciamo bene!!!!!!!!!!!!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI