Cerimonia conclusiva del concorso letterario “Sulle tracce di Don Sante”

premio don sante (1)

La Fondazione “Monsignor Sante Montanaro” istituisce un premio tra i banchi in memoria del sacerdote scomparso l’8 febbraio 2011

Lunedì 3 giugno alle ore 16 la palestra della scuola elementare “Gianni Rodari” in via Bari ha ospitato la cerimonia di premiazione della terza edizione del concorso letterario “Sulle tracce di Don Sante”.

La Fondazione “Monsignor Sante Montanaro”, al fine di far conoscere alle nuove generazioni l’impegno culturale profuso dal Monsignore sia in Italia che sul territorio di Casamassima, e che ha avuto come destinatari sempre e soprattutto proprio i giovani, promuove il premio, che si svolge sotto il patrocinio del Comune di Casamassima e della Regione Puglia. L’iniziativa, rivolta alle scuole locali di ogni ordine e grado, ma che nel 2019 ha superato i confini di Casamassima aprendosi anche agli altri istituti del circondario, desidera rendere fruibile il ricco patrimonio libresco e artistico: 46 quadri, 11 drappi e 7185 pubblicazioni, donato da Don Sante al Comune di Casamassima, e conservato all’interno delle stanze situate al terzo piano di Palazzo Monacelle. L’iniziativa intende inoltre indirizzare i giovani a coltivare interessi quali lo studio e la lettura, che sono il vero motore del progresso umano e civile.

Il concorso è articolato nelle quattro sezioni di prosa, poetica, arte visiva ed elaborazione multimediale. Gli studenti sono stati chiamati a produrre racconti brevi, ricerche, relazioni, dialoghi, poesie in italiano o in vernacolo con relativa traduzione, disegni, pitture, sculture, fotografie, installazioni, ipertesti oppure video, ispirati a Don Sante. Prima di cimentarsi in questi lavori, per comprendere chi è stato realmente Don Sante, e cosa ha significato la sua figura per lo sviluppo della comunità casamassimese, le scolaresche partecipanti hanno avuto incontri informativi insieme ai membri della Fondazione, hanno visitato la biblioteca e la pinacoteca di Palazzo Monacelle, ovvero passeggiato tra le vie del centro storico accompagnate dall’esperta Rosa Rizzi, hanno letto alcuni stralci tratti dalla collana in quattro volumi scritta da Don Sante, “Casamassima nella storia dei tempi”, e riguardanti i monumenti, avvenimenti storici e religiosi, le tradizioni, lo stato sociale di Casamassima e dintorni.

La presidente della Fondazione “Monsignor Sante Montanaro”, la dottoressa Nica Ferri e la coordinatrice del concorso letterario “Sulle tracce di Don Sante”, la professoressa Elena Maria Valentino, hanno premiato l’entusiasmo e la bravura degli alunni provenienti dagli enti scolastici che hanno sposato il progetto, consegnando a tutti un riconoscimento.

La 3 B della scuola primaria “Gianni Rodari” ha preparato un cartellone a forma di libro rappresentante passioni, attività e i momenti più salienti della vita di Don Sante Montanaro. La 4 A della scuola primaria “Gianni Rodari” ha condotto il pubblico presente attraverso un viaggio intitolato “Chi trova un libro trova un amico ed anche un tesoro”, durante il quale i bambini hanno descritto con minuzia di particolari le origini della carta; cos’è un libro; come e dove nasce un libro; chi prende parte al suo processo di fabbricazione, rispettivamente lo scrittore, il redattore e l’illustratore. La 5 E della scuola primaria “Guglielmo Marconi” ha mostrato un quadro di pop art raffigurante Don Sante incastonato tra i simboli che hanno segnato le tappe principali dell’esistenza del Monsignore, parliamo di Monacelle, della chiesa romana dove celebrava messa, del gonfalone del Comune di Casamassima, dei tomi che ha composto, infine della badia di San Lorenzo nella quale lo ricordiamo in occasione dell’Eucarestia del 10 agosto. La 5 E è autrice altresì della poesia “A Don Sante”.

La Marconi e la Rodari hanno ricevuto un buono dal valore di 100 euro spendibile da Expert. Le classi 2 E e 3 I della scuola media “Dante Alighieri” hanno proposto aneddoti tratti dalle memorie lasciate da Don Sante Montanaro, note artistiche e saggi. Alle classi è andato un buono del valore di 100 euro spendibile da Feltrinelli. I ragazzi del liceo classico “D. Morea” di Conversano, già protagonisti della rassegna “Poesia a Corte” organizzata dalla Fondazione “Monsignor Sante Montanaro”, hanno recitato pezzi di un atto unico di cui sono stati loro stessi i registi, che la professoressa Elena Maria Valentino ha incitato di mettere in scena. Un altro allievo del liceo classico “D. Morea” di Conversano ha ritratto sul pavimento del cortile della scuola superiore l’icona di Don Sante, che la platea ha potuto ammirare lunedì grazie alla visione di un filmato girato mentre il ragazzo era all’opera. Il liceo classico ha portato a casa un vocabolario di latino e greco.

Accanto ai premi, è stato regalato alle scuole che hanno aderito al concorso letterario “Sulle tracce di Don Sante” la raccolta di favole “Saltellando tra le Nuvole”, l’ultimo successo di Elena Maria Valentino nella veste di scrittrice. Lo sventolio di tanti cappellini gialli, quasi a voler mandare un saluto verso il cielo a chi ha reso possibile realizzare ciò, e che continua a guidare il nostro cammino, ha chiuso la manifestazione dando l’arrivederci al prossimo anno. È intervenuta l’assessore alla cultura e alla pubblica istruzione del Comune di Casamassima, l’architetto Azzurra Acciani.

Francesca Valentino

Foto di Vincenzo Stella
(SEGRETARIO A.C. PHOTOGRAPHERS)

premio don sante (6)

premio don sante (5)

premio don sante (4)

premio don sante (3)

premio don sante (2)

premio don sante (1)