Giovedì 16 Agosto 2018
   
Text Size

"COS’È PER NOI IL BILANCIO PARTECIPATO"

gianni nanna

Si parla sempre di democrazia diretta e di partecipazione attiva dei cittadini alla vita politica. Ma come si può realizzare? Come possiamo contribuire alle scelte sugli investimenti per la comunità? Lo strumento principale che ci è offerto è il bilancio partecipativo. Un 'percorso di dialogo sociale', attuato con l'obiettivo di creare nuovi spazi di incontro che consentano ai cittadini di incidere nella definizione delle politiche del Comune.

L'amministrazione riserva una parte delle risorse disponibili (budget) al giudizio dei cittadini, invitandoli a riunirsi, a esprimersi e a proporre idee, a confrontarsi e a decidere come utilizzarle per realizzare opere e investimenti. Il processo promuove decisioni condivise, aderenti ai bisogni del territorio, e rinnova il legame di fiducia tra istituzioni e cittadini, coinvolgendo direttamente le persone nella gestione pubblica.

L'attuazione prevede una serie di azioni di pianificazione del processo di bilancio partecipativo. Si inizia con la selezione dei partecipanti rappresentativi della comunità, che saranno presenti agli incontri e alle discussioni in cui sarà formulato un giudizio sull'attività del Comune e saranno concordati gli obiettivi. Sulla base di quanto emerso, si formano laboratori di progettazione, nei quali i cittadini individuano alcune idee da realizzare concretamente. Quelle attuabili vengono trasferite in schede che illustrano le caratteristiche e le risorse economiche necessarie alla realizzazione.

A questo punto, i tutti cittadini sono chiamati a votare quali progetti realizzare con il denaro disponibile. Il risultato del voto compone una lista di priorità di progetti da mettere in opera. Sembra fantascienza irrealizzabile? Utopia? Sono invece numerose le comunità e le amministrazioni che nel mondo e in Italia hanno deciso di applicare questo strumento per gestire gli investimenti. Per esempio Capannori, Val d'Elsa, Grottammare, Troia. Vicinissima a noi Putignano, dove già da qualche anno la Giunta comunale si sforza di condividere le decisioni con la popolazione. Riparare scuole, migliorare la viabilità, ristrutturare il teatro, occuparsi degli anziani o dei bambini sono priorità guidate dai cittadini. Ed i risultati si vedono e si toccano.

Tornando a noi, apprezziamo gli sforzi della nostra amministrazione comunale in materia di condivisione di scelte. Tuttavia ci chiediamo se qualche 'tardivo' manifesto costituisca mezzo di comunicazione idoneo e sufficiente ad una "pubblica consultazione sulle scelte di bilancio". Soprattutto, volendo condividere con i cittadini le scelte più importanti, ci chiediamo perché non sia stato utilizzato anche il nuovissimo (e costosissimo) sito internet ed il recente canale YouTube.

Magari, considerata la rilevanza dell'argomento, qualche cittadino in più avrebbe potuto partecipare. Per iniziare si potrebbero rendere i dati di bilancio pubblici e liberamente fruibili per tutti. A tal proposito mi permetto di segnalare il sito internet del Comune di Putignano. Senza polemiche, e senza complessi di inferiorità. Solo per prendere spunto.

Magari, la Giunta, in comunione di intenti, riuscisse a far adottare il bilancio partecipativo anche al Comune di Casamassima.

Magari...

 

Gianni Nanna

Commenti  

 
#12 Catone 2013-06-27 14:25
pro casamassima, spieghi al suo compagno Boccia che gli F35, che il PD si era impegnato a non acquistare in campagna elettorale e che ora invece anela di fornire alla nostra arma azzurra, non servono a spegnere incendi e soprattutto non sono elicotteri..Piuttosto, i fuochi li appicciano ;)...E pensi alle cose serie..ecco dove si trovano i soldi.
 
 
#11 Savino 2013-06-27 10:46
Pro casamassima ma lei sa solo criticare senza null'altro aggiungere? ...questa sarebbe critica costruttiva? Quali sarebbero le proposte sue o della parte politica cui fa riferimento? Lasciare intatto lo status quo ante? Interessante il suo contributo al tentativo di cambiamento in atto, dalla valenza pressoché nulla. Impieghi il suo tempo a scrivere su altri siti, non su questo. Quale sarebbe la Sua proposta? E quali gli argomenti seri che oppone a quelli del sig. Nanna?
 
 
#10 pro casamassima 2013-06-25 18:30
cara redazione hai visto che avevo ragione io????...questo pensa di essere chissà chi!
 
 
#9 Gianni Nanna 2013-06-23 16:17
Complimenti per i commenti.
Sono lo specchio del livello culturale in cui siamo immersi. Si parla per fazione di appartenenza, per 'partito' preso... Tifo da stadio, a volte rancoroso, senza discussione sui contenuti. Alcuni sono vere e proprie perle di saggezza.
Nell'articolo non esprimo appartenenza, nessuna opinione, non ho nominato alcun partito o movimento, nessuna forza politica, nessun esponente.
Eppure nei commenti ognuno ostenta il proprio vessillo in garanzia, come se l'appartenenza ad un gruppo ci rendesse immuni da errori, o portatori di saggezza, a prescindere.

Anche la redazione, in uno sforzo lodevole di indipendenza e par condicio nel rispetto del variegato panorama locale, ha modificato il semplice titolo da me proposto "Il bilancio partecipativo" in un po' più fazioso "Cos'è per noi il bilancio partecipato". Come se ci fosse il mio, il tuo, il suo, il 'nostro' 'bilancio partecipativo', suscettibile di visioni ed interpretazioni. È uno strumento. È. Semplicemente.
Lo si può utilizzare, condividere, ripudiare, applicare, magari con delle differenze.

Siamo così immersi nel gioco delle parti da perdere di vista la realtà dei fatti, da sentire la necessità di interpretare.
Ma si tratta di un semplice testo informativo, al massimo un spunto ad approfondire.

Leggo di demagogia, accuse, offerte di collaborazioni, riferimenti alle mie intenzioni, richiesta di soluzioni, polemica e strade sbagliate. Tutto questo non mi appartiene, né mi interessa. Ci sono già dei commentatori 'seriali', lascio a loro questa responsabilità.
Vorrei solo esprimere qualche idea e sollecitare qualche riflessione. Mi basta.

"Questo è niente
e adesso è ora che io vada"
 
 
#8 pro casamassima 2013-06-23 07:58
...il signor Nanna è troppo troppo giovane...per non dire altro!!!!
 
 
#7 x grillino 2013-06-21 17:48
senza dubbio il PD, a Casamassima e non solo, fa poco e niente. Ma di contro il M5S cosa fa per il nostro paese?
 
 
#6 savino 2013-06-21 17:16
Dovreste vergognarvi!!! Il concittadino Gianni Nanna sta cercando una strada nuova per Casamassima e i suoi abitanti e voi lo accogliete così??? Solita vecchia mentalità da politicanti e mestieranti. Se continuate così le cose non cambieranno mai, purtroppo. Vada avanti Sig. Nanna, per una nuova stagione, con o senza Grillo.
 
 
#5 Formica 2013-06-21 14:51
Ed io che ne so? Mica sono portavoce del PD di Casamassima!
 
 
#4 grillino 2013-06-21 12:10
x Formica. Cosa propone il PD a Casamassima?
 
 
#3 Formica 2013-06-21 08:16
Noto come il Comune di Capannori sia il più citato dagli esponenti del M5S come modello. Secondo voi da chi è amministrato? Da un Sindaco del PD, come Putignano, Grottammare e Val d'Elsa. Un elogio, quindi, delle amministrazioni PD!
 
 
#2 pro casamassima 2013-06-20 14:32
caro signor nanna, la propongo alla redazione quale eventuale giornalista di questo ***...lei parla da libro stampato, nel senso che quello che dice i miei due figli piccoli lo sanno già, quindi se vuole fare il politico ( e comunque ha sbagliato partito/movimento tanto è uguale ) deve dare le soluzioni ...le sintesi le sanno fare tutti!!!!!!!!!!!!!!!
 
 
#1 figurati!!!!! 2013-06-17 21:30
Quante chiacchiere!!!!!! Pura demagogia. :zzz
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI