Mercoledì 26 Febbraio 2020
   
Text Size

STADIO NUOVO, PASTORE: “SOLO PROCLAMI”

franco pastore new

In merito al progetto del nuovo impianto sportivo, il nostro movimento ritiene che, in linea di principio, un’opera pubblica tesa a favorire lo sviluppo culturale, sociale e sportivo, sia da accogliere favorevolmente. Fatta salva questa premessa, nella fattispecie, riteniamo però opportuno esprimere tutte le nostre riserve sull’operazione fin qui compiuta.

Partiamo da una valutazione elementare: possibile che ancora oggi, con la credibilità dei politici pari a zero, ci sia ancora qualcuno che tenti di spacciare un progetto per una quasi certa realizzazione? “Faremo lo stadio nuovo”. E che diamine, un po’ di cautela! La dotazione finanziaria è soltanto di 23milioni di euro su tutto il territorio nazionale, a fronte di migliaia di richieste. La sensazione? Sollevare clamore per calmare gli animi agitati di sportivi e calciofili fin qui privati dell’unica struttura disponibile; una propaganda giustificata dai desiderata del nostro primo cittadino: mettere da qualche parte una bella bandierina, ben visibile, finalmente la sua bandierina, con tanto di ipoteca per gli anni a venire.

E ora passiamo a valutare la scelta e le procedure seguite. Ci chiediamo: che senso ha realizzare un nuovo stadio con la crisi che vive il settore calcistico dilettantistico? Mentre gli elevati costi di gestione, le tv a pagamento e il calo di partecipazione dei tifosi rischiano di far saltare tante società, anche solide e con un passato illustre, i nostri benpensanti amministratori, vogliono costruire un’altra cattedrale nel deserto. Come se in giro non ce ne fossero già abbastanza.

Ma qualcuno si è preoccupato di verificare quanti tifosi seguono le squadre iscritte in queste categorie? E se un giorno non avessimo neanche la squadra di calcio che oggi abbiamo, chi calcherebbe quel prato? Ah, dimenticavamo, si potrà sempre organizzare un campionato di hockey su prato, rugby o tiro con l’arco. Sembra una barzelletta vero?

Sorvolando sulle capacità di chi amministra, di mantenere curata e pulita una qualsiasi area pubblica, a Casamassima più che altrove, qualcuno si è forse preoccupato di sviluppare un piano di sostenibilità dei costi di gestione e di manutenzione della struttura? E poi, visto che costerà comunque circa 400mila euro ai cittadini di Casamassima (rispetto ai 990mila di finanziamento), non sarebbe più logico utilizzare quel denaro per opere pubbliche che rivestono maggiore importanza e priorità? Evitiamo di fornire l’elenco dei disagi, tanto lo conosciamo tutti!

Autonomia Cittadina avrebbe fatto altre scelte:

  1. Presentando un progetto di 100mila euro, più facilmente ottenibili, interamente finanziabile con i fondi governativi, per ristrutturare il vecchio stadio che riteniamo possa, per più ragioni, assolvere ancora egregiamente al compito e alle necessità di una cittadina di 20mila abitanti;
  2. Avrebbe comunque impegnato un minimo di risorse, indipendentemente dall’ipotesi di finanziamento, per rendere agibile l’attuale struttura, consentendo ai giovani sportivi di continuare a fare calcio;
  3. Avrebbe evitato che la squadra locale, iscritta al prossimo campionato di Eccellenza, emigrasse fuori Casamassima, dando lustro ad altre città;
  4. Avrebbe in ogni caso, prima di mettere in piedi un progetto di tale portata, sentito gli esperti del settore e coinvolto la cittadinanza.

Purtroppo, al di là dei proclami di questa amministrazione, resta la triste realtà:

Un campo inagibile e la dichiarata volontà di lasciarlo abbandonato finché non si costruirà quello nuovo.

Ma si farà?

Franco Pastore

[da La voce del paese del 22 giugno 2013]

Commenti  

 
#8 Nico 2013-07-10 06:34
Pastore, oltre che intelligente e combattivo, per me Lei è molto astuto!
 
 
#7 leggo gazzetta mezzo 2013-07-05 20:20
Post 1 porta fuori strada post 3 e post 6
PASTORE NON E' CONSIGLIERE!!!!!!!!!!!!!!
Comunque dovrebbe conoscere bene le storie che affliggono qualche componente e nulla potrebbe!
 
 
#6 Franco Pastore 2013-07-05 18:45
Ringrazio l'amico Autonomista che, in maniera precisa, ha già chiarito alcuni aspetti importanti. Confermo che non sono consigliere comunale e che quindi disconosco i lavori della 1^ commissione ed i relativi verbali, visto che non siamo rappresentati da nessun consigliere. Ad ogni buon conto, non mi risulta che in 1^ commissione si sia discusso del progetto nuovo stadio. Mi piacerebbe sapere a quale parere si riferisce NO CIANCE. Quanto a cure da somministrare, non ho la presunzione di poter dire che conosco la giusta terapia, soprattutto per un malato ogni giorno più terminale. Credo che amministrare questa città, come tante altre, sia sempre più difficile, ma credo anche che con il buon senso ed un costante lavoro di coinvolgimento e sensibilizzazione, qualcosa di buono si possa fare. Personalmente non ho mai avuto problemi a dire quello che penso, perché sono sempre stato un uomo libero. Nel nostro gruppo prevale il confronto e quello che si manifesta pubblicamente, è sempre la sintesi del pensiero di tutti.
A#5 lunga memoria rispondo che, per carattere e deformazione professionale, approfondisco sempre le questioni, anche troppo talvolta, e che non amo far polemica fine a se stessa. Sul progetto del nuovo stadio ho espresso tutte le perplessità del nostro Movimento, guarda caso contro gli interessi del 2° dei non eletti nella nostra lista, il sig. Franco Palmisano, presidente della squadra di calcio che si è iscritta al campionato di Eccellenza. Ho messo in risalto l'inutilità del progetto, sottolineando le mancanze dell'amministrazione e proponendo le possibili alternative. Naturalmente si tratta del nostro punto di vista, sicuramente opinabile, ma che questa amministrazione non ha chiesto e mai chiede a nessuno. Saluto e ringrazio tutti coloro che partecipano al dibattito con educazione e spirito costruttivo, ringrazio chi mi considera "intelligente e combattivo".
 
 
#5 lunga memoria 2013-07-05 09:28
# 1 e # 3, chiedete a Pastore dei chiarimenti che non potrà mai darvi, e chissà perché!
Forse non approfondisce le questioni?
Si limita alla polemica?
Strano per un consigliere intelligente e combattivo!
 
 
#4 Autonomista 2013-07-05 08:31
Cari NO CIANCE e Sidella, essendo vicino ad autonomia cittadia, vi voglio ricordare che PASTORE non è consigliere comunale ma il segretario del Movimento, per cui non conosce i verbali delle Commissioni. A questo devo aggiungere che nella 1^ Commissione (suppongo sia quella dell'edilizia), non è presente nessun consigliere di Autonomia, né Rodi e né Fortunato, mentre ci sono tutti gli altri (i tecnici del PDL, i capogruppi del PD e di SEL-IDV-RIF). Sarebbe quindi utile che ci informi NO CIANCE, visto che sa, su questo parere espresso e su cosa, anche se sono convinto che Pastore farà comunque i controlli dovuti.
 
 
#3 Sidella 2013-07-04 16:15
Se ho ben interpretato il pensiero di "NO CIANCE" # 1, il quesito che viene posto al signor Pastore, va oltre le sterili polemiche createsi su di un improbabile realizzazione dello stadio! Forse, "no ciance", ha voluto rigirare il coltello in una grossa piaga di questa amministrazione!
Forse il consigliere Pastore, farebbe bene a diagnosticare e prescrivere la giusta, immediata terapia per guarire la piaga e poi occuparsi di eventuali nuove realizzazioni urbanistiche!
 
 
#2 vito cassano 2013-07-04 07:10
Ritengo, che, al di la delle diverse ottiche, le opposizioni abbiano una ghiotta occasione per ridare voce ai cittadini. Da semplice cittadino ho esplicitato le mie convinzioni e lanciato un'idea in un post quando fu annunciata l'idea del nuovo stadio, che umilmente ripropongo per l'eventuale valutazione ad A.C. - SEL - PD:
“...fare di quell'area un parco comunale che diventi raccordo non solo funzionale, ma anche sociale con quella parte del comune abitato da centinaia di cittadini abbandonati al loro destino ( barialto). Al “primo cittadino” interessa una grande opera a cui, ritengo che pochi, o pochissimi cittadini siano interessati, non solo, ma determinerà un ulteriore consumo del territorio su cui tutta la politica nazionale e la comunità imprenditoriale si sta interrogando. Sia chiaro, è utile cercare opportunità di investimento, ma sarebbe stato molto più proficuo per noi tutti cercare investimenti per far avanzare quell'idea dell'avv. Montanaro di coprire il parcheggio di Auchan con pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica.
Finalmente riesco ad immaginare dove andranno a finire circa 400.000 euro di Irpef comunale che tutti noi abbiamo pagato; a soddisfare le esigenze o i desiderata di “cittadino” e del “primo cittadino”. In quanto cittadino ho dovuto abbandonare l'incontro sul bilancio partecipato promosso dal Sindaco, in quanto non ho inteso avvallare la degenerazione concettuale di un istituto così importante. Un Sindaco che esordisce riconoscendo l'improvvisazione, il pressapochismo organizzativo, (scaricando le responsabilità sui dipendenti) e, tutto sommato, l'inutilità dell'incontro viste le decisioni già prese (vedi stadio), come può pretendere di farsi avvalorare la confusione e la deformazione dei concetti di “partecipazione” e “consenso”? Se non riconosce la “partecipazione” dei consiglieri di opposizione, come può offrire la partecipazione ai cittadini? Ecco; se davvero questa giunta vuole garantire la partecipazione, almeno su questa decisione così importante e che rivoluziona l'assetto territoriale, sociale ed economico, per molti anni, del nostro futuro, perché non organizzare un REFERENDUM CONSULTIVO fra tutti i cittadini per capire se vi è anche un consenso minimamente maggioritario su questo progetto? Capire cioè se a noi cittadini interessa più l'avvio del depuratore, l'igiene urbana, la sicurezza delle strade, delle scuole, della manutenzione dei parchi pubblici, ecc. oppure questa nuova gettata di cemento e di invadenza. Va da sé che non si possono confondere né contrapporre gli “agricoltori” che appartengono alla categoria dei “produttori”, con gli sportivi, che al netto dei professionisti, sono degli appassionati i quali nel loro tempo libero fanno benissimo ad allenarsi. A questi ultimi necessitano spazi diffusi ed organizzati, che già esistono, ma che andrebbero migliorati e resi più fruibili a costi bassissimi, la qual cosa, una mega struttura, non può garantire.
 
 
#1 NO CIANCE 2013-07-03 22:21
STADIO SI, STADIO NO!
INUTILE DIATRIBA SIGNOR PASTORE, PIUTTOSTO SI INFORMI DEL PARERE ESPRESSO DALLA 1^ COMMISSIONE! E CHIEDA QUALI SOGGETTI LA COMPONGONO! INTENDE?
ESPRIMA IL SUO PARERE PASTORE, SENZA ESITAZIONI! LEI E' CONSIGLIERE DI OPPOSIZIONE, CONTROLLI!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.