ASSOCIAZIONI, INCONTRIAMO GIOVANI ATTIVISTI

giovani attivisti 1

La nostra redazione è giovane e insiste sul territorio da pochi mesi. Per questo abbiamo deciso di curiosare in giro per Casamassima e di ascoltare chi ha voglia di raccontarsi in un tour che ci offre spunti di riflessione e possibilità di confronto.

Oggi abbiamo incontrato “Giovani attivisti”, associazione giovanile che nasce nel luglio dell’anno scorso per stimolare e sensibilizzare la cittadinanza sul tema sociale, ma anche su quello artistico, e che si avvale della collaborazione di 15 iscritti.

Abbiamo chiacchierato con Oriano Gregorio De Iure e Angelo Abbatecola.

Qual è stata l’idea fondativa di “Giovani attivisti”?

La carenza di sostegno artistico e sociale nel nostro paese. Nell’aprile 2009 abbiamo deciso di lanciare il nostro progetto tramite un evento-dibattito sui temi dell’immigrazione, del lavoro precario e dello sfruttamento delle risorse animali e ambientali a cui ha fatto seguito un concerto musicale: si sono esibiti artisti emergenti della provincia di Bari.

Quali iniziative sociali avete intrapreso?

Dopo l’inaugurazione abbiamo organizzato “Arancia Metalmeccanica”, un’iniziativa a sostegno dei lavoratori dell’Entella che da un anno lavoravano senza percepire stipendi. Un’altra è stata quella contro il maltrattamento degli animali – all’arrivo del circo Weber – che ha stimolato l’intervento della Polizia municipale (in virtù delle norme in vigore sugli animali).

Ma “Giovani attivisti” è attivo solo a livello locale? giovani attivisti 2

È stato attivo anche nel capoluogo pugliese. L’8 maggio scorso eravamo presenti sulla Muraglia barese, durante i festeggiamenti di S. Nicola, per far sentire la nostra solidarietà verso il popolo greco. I giovani attivisti hanno esposto lo striscione “People of Europe rise up” a Bari ma anche a Roma, Firenza, Pisa e Napoli.

Che programmi avete ora?

Intanto invitiamo l’amministrazione locale a intervenire sul degrado che sta diventando un problema sociale. Noi ci prepariamo per il futuro; il prossimo impegno è la Festa della liberazione presso la villa comunale prevista per l’inizio di luglio. Festeggeremo il primo anniversario e prevediamo l’esibizione di gruppi musicali emergenti e la partecipazione di artisti di strada.