Martedì 25 Febbraio 2020
   
Text Size

CALCIO, PER ORA NESSUN NUOVO CAMPO

asd 18 sett

Le api gialloblu volano via da Casamassima. La formazione guidata da Roberto D’Ermilio, infatti – come annunciato dal presidente Franco Palmisano – il prossimo anno non giocherà più allo Stadium cittadino. E questo a causa delle condizioni dell’impianto sportivo, non adeguato per ospitare le gare di calcio. “In merito al campo di Casamassima – si legge in una comunicazione inviata l’11 giugno scorso dalla Lega nazionale dilettanti della Figc (comitato regionale Puglia) all’ufficio tecnico del nostro Comune e all’Asd Casamassima – si evidenziano diverse difformità per la regolarità e sicurezza dell’attività sportiva. Se entro venti giorni dal ricevimento della presente, non riceveremo alcuna comunicazione di avvenuto intervento sulle anomalie riscontrate, saremo costretti a sospendere tutte le attività sul campo, senza alcun’altra comunicazione”.

All’aut aut lanciato oltre dieci giorni fa dalla Lega si è poi aggiunta la reazione del presidente della squadra casamassimese, Franco Palmisano. “Non ci sono più i presupposti – ha fatto sapere Palmisano – per continuare a giocare nel nostro paese, ma soprattutto per poter crescere calcisticamente. È inammissibile disputare un’altra intera stagione sul campo dello Stadium”. “L’impianto cittadino, infatti, oltre a essere in terra battuta che si alza in maniera fastidiosa non appena gli atleti vi corrono sopra, creando disagi a giocatori, spettatori ma anche residenti nella zona – ha sottolineato l’Asd Casamassima in un comunicato ufficiale – non dispone di ingressi separati per le due tifoserie. Senza contare i disagi e i rischi di infortuni, che sicuramente sono più elevati su una superficie del genere. Sul fronte istituzionale abbiamo trovato tanta buona volontà ma nessuna certezza circa una possibile soluzione dei problemi”.

Da qui, dunque, la decisione di Palmisano di ‘volare’ lontano da Casamassima. “Adesso stiamo ripartendo con un nuovo progetto e una nuova società – ha precisato il presidente – capaci di inglobare l’interesse di un pubblico più vasto: quello del sud-est barese. Saremo una squadra giovane e ambiziosa, votata al calcio spettacolo e indirizzata verso l’obiettivo di divertire la gente la domenica  pomeriggio. La nostra sede sociale rimarrà sempre qui a Casamassima. Se poi entro agosto del prossimo anno – ha aggiunto ancora Palmisano – fosse davvero realizzato il nuovo stadio, sarò ben lieto di poterlo utilizzare, facendovi giocare la mia squadra”.

La formazione gialloblu, dunque, si dirige per il momento verso altri lidi per poter giocare le sue partite il prossimo anno, ponendo suo malgrado l’accento su una situazione, quella dell’idoneità degli stadi, che si sta ripetendo spesso in Italia negli ultimi anni e in tutte le categorie. Un esempio per tutti, emblematico, è quello del Cagliari del presidente Massimo Cellino, costretto a disputare i suoi incontri di serie A non al Sant’Elia, ma al Nereo Rocco di Trieste. E Casamassima, con le dovute proporzioni, non è da meno. Il sindaco Mimmo Birardi intanto, che già tempo fa aveva annunciato l’intenzione di realizzare eventualmente il nuovo stadio qui in paese, ha fatto delle precisazioni a riguardo. “La volontà di costruire il nuovo impianto sportivo – ha detto il primo cittadino – c’è ed è ancora viva. Tuttavia i limiti imposti dal patto di stabilità non ci permettono grande libertà di movimento. E in questo momento investire la somma che servirebbe a edificare la nuova struttura è praticamente impossibile. L’unica eventualità potrebbe essere quella di bandire la gara per l’edificazione del nuovo campo sportivo, che potrebbe sorgere su via Bari, facendo in modo che la ditta vincitrice poi lo costruisca per conto del Comune, ricevendo in cambio un contributo annuale per i successivi 20 anni. Il credito sportivo, con il quale abbiamo già avuto contatti, potrebbe investire nell’opera, dal canto suo, circa un milione e mezzo di euro. Questa è un’idea che stiamo valutando attentamente, ora vedremo quali sono le possibilità che questa stessa idea possa concretizzarsi”.

Commenti  

 
#20 Casamassimese 2012-07-22 08:29
E' stato un bel sogno,ma poi c'è l' amaro risveglio...
 
 
#19 parere 2012-07-11 17:55
per nessun dubbio: visto che non conosciamo i termini dell'accordo tra società (Palmisano) e il comune di Casamassima, ne tantomeno l’esatto importo del finanziamento ricevuto (chi dice 150.000; chi 200.000; addirittura io personalmente ho sentito 350.000 euro) ritengo che non vi sono elementi per poter affermare che Palmisano non ha rispettato i patti. Ad onor del vero, devo dire che la struttura sportiva si presenta trasformata (in meglio) rispetto a come era prima dell'accordo e sono del parere che, se richiesto dall’Amministrazione Comunale, il presidente Palmisano sia nelle condizioni di dimostrare la correttezza del suo operato. Però, visto che l’Amministrazione comunale non lo ha mai richiesto, penso che questa sia la chiara dimostrazione che nessun dubbio aleggia in merito alla utilizzazione del finanziamento ricevuto; oltremodo, la polemica scoppiata con l’Amministrazione Comunale dimostra anche che il presidente Palmisano è una persona libera e non condizionata da amicizie politiche. Pertanto, spero che la protesta rientri e che i nostri ragazzi (quelli di Casamassima per intenderci) non siano costretti ad emigrare in altri comuni limitrofi per praticare uno sport che, a detta di tutti, è il più bello e il più seguito. Forza ASD CASAMASSIMA (e non SUDEST questo presidente non lo accetterò mai).
 
 
#18 tifoso indignato 2012-07-11 08:27
Si sta parlando della necessità del secondo ingresso allo "stadium". Ma non c'è già dalla parte dell'area del mercato.
Secondo me si poteva mettere a norma con una somma accessibile.
 
 
#17 dirig 2012-07-10 23:45
purtroppo voi non sapete un *** quindi non parlate.siamo l,unico paese ad avere un campo di merda.poi non sapete cosa disse il signor birardi ad inizio campionato venne nello spogliatoio lui e genchi disse vi prometto che il prossimo campionato giocate o in un campo nuovo o su questo con l,erba sintetica tutte balle.io sono il primo sportivosi vede.tu sei il primo sin daco a far andare via una squadra da casamassima vergognati.non fate promesse se non le sapete mantenere.anche questa amministrazione una delusione.o destra o sinistra e lo stesso.
 
 
#16 .... 2012-07-10 17:08
apprezziamo l'opera efficace del Sog. Palmisanoe di tutte le lodedovi iniziative ma qui la questione è un altra. Ha ricevuto un grosso finanziamento dal comune e non ha finito di adeguare la struttura alle normative vigenti. Poteva risparmiare qualcosa sui monitor e sulla copertura per aprire il secondo ingresso. Adesso vuole un altro finanziamento per finire i lavori compresi di manto erboso e il comune non può indebitarsi in questo momento cosi difficile se consideriamo che le opere di primaria importanza sono ormai degradate. Trovo che l'idea di cambiar nome alla società sia una bella trovata per creare un malcontento nel popolo nella speranza di ottenere un ulteriore fondo anche dall'amministrazione Birardi. Palmisano, stavolta ti devi "stendere"....non puoi andare sempre alla sgrosc.
 
 
#15 nessun dubbio 2012-07-10 13:11
Per PARERE: il tema è un altro, non la campagna contro la violenza ed il fair play dei giocatori. I PATTI VANNO RISPETTATI.
 
 
#14 parere 2012-07-09 15:04
Siamo in Italia, come al solito tutti pronti a sparlare e a criticare, nessuno però che riconosca i meriti di una società che sta facendo parlare di Casamassima (una semplice sconosciuta fino a poco tempo fa nel mondo del calcio)non solo per i suoi meriti sportivi (è molto probabile che quest'anno parteciperà al campionato di eccellenza) ma sopratutto per il fair play e la campagna contro la violenza che è un esempio per tutti. Pertanto, c'è solo da dire grazie ad una società composta da persone serie e organizzata per raggiungere sempre nuovi traguardi che pubblicizzano favorevolmente la città di Casamassima. A proposito dimenticavo, non è possibile allestire una squadra con giocatori del posto, se si ambisce a obbiettivi di promozione, sin'ora non ne ho conosciuta una. Mi auguro invece che gli sportivi di Casamassima (ne sono tanti) possano far valere le loro ragioni per vedere la propria squadra (sopratutto non cambiando la sua denominazione), giocare nel campo comunale della loro bella città. Forza ASD CASAMASSIMA
 
 
#13 nessun dubbio 2012-07-09 13:07
Un classico: l'imprenditore casamassimese rischia con i soldi degli altri, in questo caso del Comune.
Il minimo che si debba chiedere a costui è restituirli al comune o documentare fino all'ultimo centesimo come sono stati spesi. Sindaco alza la voce
 
 
#12 jippo 2012-07-08 19:19
sarebbe bello rispondere a tutti voi, ma semplicemente non esistete. siete nullità dietro ad una tastiera e non meritate risposta sensata. Ovviamente la verità è nel mezzo...nel mezzo dei vuoti della vostre scatole craniche..
 
 
#11 pro casamassima 2012-07-08 03:36
Penso che il comune dovrebbe trovare i soldi per ADEGUARE LO STADIO con erba sintetica e intervenire sulle misure di sicurezza perchè siamo veramente indietro ANCHE CON IL CAMPO SPORTIVO E QUINDI POI DI TOGLIERLO DALLE MANI DI CHI HA PENSATO SOLO A FARE PUBBLICITA' A SE STESSO...LA CHANCE L'HANNO AVUTA MA COME AL SOLITO...I RISULTATI NON ESISTONO!!...AH SINDACO...LO STADIO NUOVO NON SERVE...LA TENDENZA E' CHE LO STADIO SE LO COSTRUISCONO LE SOCIETA' STESSE...
 
 
#10 comunista 2012-07-07 17:57
@ incredulo....il solito che non capisce un c..o.
 
 
#9 M 2012-07-07 16:11
PENSIAMO AD AGGIUSTARE LE STRADE!!!
 
 
#8 sportivo 2012-07-07 15:55
Secondo me una buona parte di quei soldi sono stati utilizzati per allestire la squadra di calcio, visto che i signori calciatori(parola grossa)percepivano uno stipendio medio di 1500.00 euro e le trasferte e i ristoranti ne vogliamo parlare?, troppi per questa categoria. Lasciamo stare... devono solo ringraziare la comunità Casamassimese che ha contribuito. Palmisano se vuol fare il Presidente deve sborsare i soldi e non chiedere sempre aiuto agli altri per fare i propri interessi.
 
 
#7 2012-07-07 14:17
C'entra eccome, perché se i soldi, come si legge dai commenti, sarebbero stati distribuiti a pioggia ed usati male, la colpa è solo di chi li ha sperperati e ora non si può chiedere di spenderne altri quando c'è gente che muore di fame in mezzo alla strada. Non per fare campi LUDICI! Altro che Beppe Grillo.
 
 
#6 incredulo 2012-07-07 11:01
Che c'entra ci sono cose più importanti!!!!. I soliti qualunquisti alla beppe grillo e alla piddi..i nuovi comunisti da tastiera!!
 
 
#5 osservatore 2012-07-07 10:43
dove sono finiti i 120.000(centoventimila) euro ottenuti dalla società dalla passata amministrazione per sistemazione e successiva gestione del campo sportivo comunale????.
Dimenticavo forse sono serviti a sistemare tv lcd sugli spalti tralasciando il terreno di gioco.
Forse sarebbe stato antieconomico per la gestione??? visto che nelle previsioni della società vi era la creazione di uno spazio (privato) su struttura pubblica per poter organizzare i propri eventi pubblicitari???
Comunque 11 calciatori (nemmeno di Casamassima) possono andare a giocare dove vogliono, per quel che mi riguarda credo c'è un contratto di gestione dell'impianto da rispettare e spero che l'amministrazione si impegni a vigilare su questo.
 
 
#4 .... 2012-07-07 06:50
Il signor palmisano ha ricevuto un cospicuo finanziamento dalla precedente amministrazione e molti hanno creduto che fossero soldi suoi. Vi ricordo che fino a poco tempo fa avevamo due squadre a casamassima di cui una fu costretta a non usufruire più la struttura cittadina perche questa fu affidata al palmisano. Infatti furono costretti ad andare fuori casamassima per le partite e gli allenamenti e come ovvio la società falli. Per aprire un secondo ingresso alla struttura si spenderebbero circa 10.000 € ma se dovesse provvedere il comune allora se ne spenderebbero molti di più. Palmisan stint.
 
 
#3 mha 2012-07-07 06:39
purtroppo stiamo vivendo un momento di crisi e la politica necessariamente deve riconoscere le priorità dìintervento. Casamassima non permette ancora un livello di vita che raggiunge la sufficenza e lo stadio che pur è necessario non è una gran priorità. Per il momento sarebbe possibile adeguare la struttura con un minimo intervento non dispendioso. Infatti aprire il secondo ingresso costerebbe veramente poco. Aggiungo che questo intervento dovrebbe essere a carico del Sig. Palmisano che gestisce la struttura e che ha gia ricevuto, dalla precedente amministrazione, un somma considerevole per l'adeguamento della stessa. Lo stadio è un sogno che prima o poi si realizzerà ma ne passerà ancora di tempo.
 
 
#2 io 2012-07-06 19:51
caro presidente come vedo ci sei cascato anche tu alle promesse fatte dal sindaco prima delle votazioni, anzi dirò di più sei stato ingannato sopratutto durante il ballottaggio dove hai traghettato i tuoi voti ottenuti per il tuo movimento verso in nostro sindaco pinocchio
(ben ti sta volta bandiera)
 
 
#1 2012-07-06 18:47
Non ci perderemo il sonno se ve ne andate, ci sono cose più importanti a cui pensare ora che dilapidare altri soldi in un campo DA GIOCO. Mentre la gente muore di fame..Domanda: Ma quanti giocatori sono nativi di Casamassima?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.