I lampadari in tessuto rappresentano un sistema di illuminazione molto raffinato e ricercato in grado di dare alla casa un’atmosfera curata grazie ai giochi di luce che emanano.

Sono dei veri e propri complementi d’arredo che aggiungono stile e buon gusto agli ambienti interni valorizzandoli con i loro ricami, i disegni e i colori.

I lampadari in tessuto così come plafoniere, abat-jour e paralumi nello stesso materiale sono sempre più apprezzati perchè diffondono in casa una luce calda e gradevole.

La loro pulizia è fondamentale per mantenerli sempre in ottimo stato visto che catturano la polvere con molta facilità. Va eseguita con attenzione e in modo diverso a seconda del materiale con cui sono fatti perchè ogni tessuto è diverso dall’altro.

In questa guida vediamo come pulire un lampadario in tessuto senza rischiare di rovinarlo e farlo tornare splendente e come nuovo.

Togliere la polvere dai lampadari in tessuto

Qualsiasi sia il tessuto con cui è stato confezionato il lampadario la prima cosa da fare è quella di rimuovere la polvere che si è depositata. E’ a causa di questa che spesso i tessuti tendono ad ingiallire e a diventare opachi.

Ci sono tessuti molto differenti tra loro: più resistenti come cotone, canapa, lino ma anche tessuti delicati come la seta o lo chiffon che richiedono una maggiore cautela nell’essere trattati.

Questi ultimi proprio per la loro fragilità richiedono un trattamento particolare ed è meglio portarli in lavanderia per non rischiare di danneggiarli nel lavaggio.

Per gli altri materiali non ci sono problemi a lavarli in casa, bastano pochi accorgimenti per ottenere un ottimo risultato.

La polvere si deposita sui lampadari in continuazione e non viene certo rimossa ogni giorno per cui quando si decide di pulirli si è di fronte ad una bella quantità di sporco.

Prima di cominciare la pulizia dei lampadari in tessuto è bene scollegare la corrente elettrica per evitare pericolosi inconvenienti e lavorare in sicurezza. Il lampadario non deve necessariamente essere smontato ma si può scegliere di farlo se si vuole pulire in maniera più agevole.

Un sistema molto valido è quello di passare una spazzola adesiva che raccoglie a fondo la polvere senza farla sollevare e diffondere in giro. Anche utilizzare la bocchetta più piccola dell’aspirapolvere è un modo efficace, a meno che il tessuto non sia troppo leggero e delicato.

Si può passare sul tessuto una spazzola a setole morbide oppure anche un vecchio spazzolino, validi strumenti per eliminare la polvere e gli acari anche nei punti più nascosti.

Il lavaggio dei lampadari in tessuto

Molti tessuti possono essere lavati con una soluzione di acqua e sapone neutro. Vanno bene quelli resistenti come il lino, il cotone e la canapa. Se il lampadario è in chiffon si può lavare con acqua e sapone di marsiglia.

In entrambi i casi si adopera un panno morbido che si tampona sulla superficie da trattare. Questo trattamento è perfetto per i tessuti colorati mentre se il rivestimento è bianco o in colori chiari ormai ingialliti si possono lavare con prodotti naturali.

Se lo sporco è ostinato si può usare un mix di acqua calda e ammorbidente. Con un panno in microfibra ben strizzato si pulisce la parte interna e quella esterna del lampadario in tessuto e il risultato sarà positivo.

Un ottimo rimedio che utilizzavano in passato su tessuti come cotone e lino, spesso ingialliti, era a base di detergenti naturali che rispettano la natura e la salute.

Tre cucchiai di bicarbonato sciolto in mezzo bicchiere d’acqua è la soluzione perfetta per rimuovere le antiestetiche macchie gialle. Va steso sulle parti sporche e lasciato agire una notte prima di spazzarlo via e passare un panno con acqua fredda.

Un altro metodo che arriva dai consigli della nonna è quello di pulire il lampadario in tessuto con acqua, sale e succo di limone. Anche in questo caso si lascia a riposo per una notte e poi si passa un panno morbido bagnato con acqua.

Infine l’aceto, altro prezioso alleato contro le macchie. Si lascia sul tessuto per circa due ore e poi si risciacqua con acqua.

E’ possibile rimuovere lo sporco più ostinato anche senza l’ausilio di acqua, utilizzando una schiuma attiva a secco. Va lasciata agire per 10 minuti e poi va rimossa con un panno pulito.

Solo nel caso che nessuno di questi efficaci sistemi funzioni il consiglio quasi obbligato è quello di sostituire il rivestimento del lampadario con uno nuovo.

Conclusioni

La pulizia dei lampadari in tessuto sembra all’apparenza più difficile di quella da eseguire sui lampadari tradizionali ma come detto non è così. Basta seguire le giuste tecniche per detergerli senza rischiare di rovinarli. Al termine delle operazioni di pulizia quando il tessuto è asciutto si può mettere qualche goccia di olio essenziale, per avere un piacevole profumo nell’ambiente.

Disclaimer Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.